Todi: scampato pericolo, e buone prospettive per una possibile nuova stagione della presenza dei cristiani nella vita pubblica del nostro Paese

Taccuino Italiano, Giornale del Popolo, Lugano, 18 ottobre 2011

Il discorso con cui ieri a Todi (Umbria) il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, ha aperto i lavori dell’atteso convegno  sulla presenza dei cattolici nella vita pubblica italiana, ha deluso le speranze di chi, come lo storico establishment “laico” di cui è espressione il Corriere della Sera, sognano il formarsi di una nuova coalizione di maggioranza in cui i cattolici facciano da base dignitosa ma silente  a un programma di governo per così dire neo-laburista. Un progetto che Massimo D’Alema, leader occulto del Partito Democratico di Pierluigi Bersani, aveva prospettato in un’intervista non a caso recentemente pubblicata dal grande quotidiano milanese. Non esitando per la circostanza ad assumere un tono quasi cardinalizio, il direttore del Corriere, Ferruccio De Bortoli, aveva titolato ieri “La missione dei cattolici”  un editoriale a sua firma che iniziava dicendo che “Il Paese ha bisogno dei cattolici” per poi auspicare infine per loro la nobile ma poco rilevante prospettiva di “essere maggioranza nel dibattito delle idee, pur restando minoranza nel Paese”. Questo, scriveva De Bortoli, nel quadro della riscoperta di “un tratto marcatamente più conciliare” ritrovando una loro “missione sociale in questi anni poco valorizzata mentre si è insistito tanto sulla difesa dei cosiddetti principi non negoziabili, dal diritto alla vita alle questioni bioetiche, al punto di estendere l’incomunicabilità con le posizioni laiche all’insieme delle questioni civili ed economiche”.  Come dire, abbiamo bisogno di voi, ma a condizione che in pratica accettiate di pensarla come noi. Nel suo discorso invece il cardinale Bagnasco ha detto apertamente che i principi non negoziabili restano tali e che la presenza dei cattolici nella vita pubblica italiana non può avvenire al prezzo della riduzione a fatto privato sia dell’esperienza cristiana in particolare che in genere della dimensione religiosa della vita.  Esclusa l’eventualità di un nuovo partito cattolico, di una nuova Democrazia Cristiana, emerge invece l’urgenza che sulla scena della vita pubblica italiana i cattolici si configurino come un “nuovo soggetto politico”, anche se non partitico. In che cosa potrà consistere tale nuovo soggetto politico resta tutto da vedere; e in questo senso è bene che i laici cristiani si assumano pienamente le loro specifiche responsabilità al riguardo. Che il presidente della Conferenza Episcopale abbia apertamente patrocinato il convegno di Todi si può senza dubbio giustificare in una logica di supplenza, ma è comunque sintomo di un vuoto di riflessione e di iniziative che i laici impegnati nella vita pubblica italiana avrebbero dovuto non lasciare che si verificasse, ovvero eventualmente colmare da sé. Che poi ai lavori del convegno fossero stati invitati a prendere la parola anche tre noti esponenti del mondo “laico”  — tra l’altro in più di un caso personalmente non molto attenti ai principi non negoziabili di cui si diceva — come lo stesso Ferruccio De Bortoli, Ernesto Galli della Loggia e Corrado Passera, apre la via al sospetto che almeno alcuni degli autori del programma dell’incontro non fossero immuni da quegli storici complessi di inferiorità di certi ambienti cattolici verso quel mondo, che si sperava fossero ormai svaniti da gran tempo.  Al di là di questi limiti obiettivi, tuttavia, il convegno di Todi — come già scrivevamo nel “Taccuino Italiano” pubblicato su Giornale del Popolo dello scorso 6 ottobre * — darà senza dubbio il via a una nuova stagione nella storia della presenza dei cristiani nella vita pubblica in Italia. Una nuova stagione cui si può guardare con speranza.

* vedi alla  rubrica “Taccuino Italiano” in questo stesso sito.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Taccuino Italiano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...