Non è che si stava meglio quando si stava peggio? Dopo la tragica fine dell’ingegnere sequestrato in Nigeria e la stranissima storia dei due fanti di Marina arrestati in India viene da domandarselo.

Prisma/nuova serie n. 63, 10 marzo 2012
Considerando sia la tragica vicenda di Franco Lamolinara — l’ingegnere di Gattinara (Vercelli) ucciso lo scorso 9 marzo a Sokoto (Nigeria) dopo che da quasi un anno era nelle mani dei suoi sequestratori – e sia quella dei due nostri militari fermati e detenuti in India, si deve ahimè concludere che, almeno in quanto a politica estera, si stava meglio quando si stava peggio …

Come avemmo modo di rilevare quando venne presentato alle Camere, l’attuale governo si articola in due distinti segmenti: uno costituito dai ministeri, innanzitutto economici, che presidiano ambiti su cui Monti ha avuto incarico di concentrare la propria azione, e l’altro invece costituito da ministeri che presidiano ambiti di cui il nuovo Premier riteneva di potersi disinteressare. Questi ultimi sono stati dati per così dire in autogestione alla loro stessa burocrazia: è il caso di ministeri come quello degli Interni, della Difesa, degli Esteri, affidati rispettivamente a un prefetto, a un alto ufficiale, a un ambasciatore (e quello dell’Ambiente addirittura al Direttore generale). A suo tempo ci eravamo permessi di osservare che si trattava di un grosso errore: in primo luogo perché la responsabilità politica è generale per natura sua, e quindi l’agenda di un governo viene comunque fissata  anche dai fatti e non soltanto dalle priorità che esso si pone; e in secondo luogo perché la struttura  interna di ciascun ministero così gestito sarebbe certamente uscita sconquassata dalla trasformazione in ministro di uno dei suoi alti dirigenti..
La  tragica conclusione del rapimento di Franco Lamolinara e i maldestri sviluppi del caso dei due fanti di Marina detenuti in India di ciò sono purtroppo una conferma. I fatti dimostrano che paradossalmente, se lasciati a se stessi, i proverbiali “addetti ai lavori” si comportano come gli altrettanto proverbiali “dilettanti allo sbaraglio”. Nel caso dell’uccisione dell’ingegnere di Gattinara, insieme al quale ha perso la vita pure un ostaggio britannico, mano a mano che si delineano i particolari del fallito “blitz” di forze speciali anglo-nigeriane appare evidente l’insipienza di chi l’ha organizzato. A monte di tutto ciò s’intuisce tuttavia anche una disastrosa concorrenza tra servizi segreti italiani e britannici, che peraltro è costata la vita non solo all’ostaggio italiano ma anche a quello britannico. A ragione Roma ha protestato fermamente con Londra, ma è doveroso osservare che  la Gran Bretagna ha pagato non meno dell’Italia le spese dell’operazione.
Senza fortunatamente avere, nemmeno nella peggiore delle ipotesi possibili, prospettive altrettanto oscure, la vicenda dei due fanti di Marina fermati e detenuti in India è tuttavia ben più emblematica in quanto esempio di quali guai possa provocare, malgrado tutto, la ritirata della politica da ambiti che sono soltanto suoi. E’ evidente che ci sono in questa faccenda troppe cose strane. Come mai lo scorso 15 febbraio, dopo un incidente che si dice essere avvenuto in acque internazionali, la petroliera “Enrica Lexie”  ha fatto rotta verso le coste del Kerala andando ad attraccare a Kochi (che è poi l’antica Cochin, punto di arrivo nel 1498 dello storico viaggio di Vasco Da Gama, diremo per chi si interessa di queste cose)? Per ordine di chi i due fanti di Marina,  militari in armi a presidio della nave, ne sono scesi disarmati e sono andati a consegnarsi alla polizia locale? A questi due fatti già strani se ne sono aggiunti altri altrettanto strani. L’ambasciata d’Italia a Dehli non è stata mobilitata, ma invece si è spedita nel Kerala una delegazione di “funzionari”, dunque  di persone non di rango diplomatico, per trattare con le autorità locali, peraltro invano. Trascorreranno poi oltre quindici giorni prima dell’arrivo direttamente nel Kerala del sottosegretario italiano agli Esteri Staffan De Mistura, già alto funzionario delle Nazioni Unite, e poi in India del ministro degli Esteri Terzi di Sant’Agata, ma per un viaggio già programmato in precedenza; due visite finalmente di alto livello ma con un’agenda di basso profilo, e senza grandi risultati. Si arriva poi il 7 marzo alla telefonata di Mario Monti al suo omologo indiano Manmohan Singh, del cui contenuto si ha notizia ufficiale solo da parte italiana tra l’altro senza informazione alcuna sulla risposta di Singh alle rimostranze di Monti. Frattanto la “Enrica Lexie”, una nave che stando ferma costa ogni giorno perdite di decine di migliaia di euro al suo armatore, continua a rimanere all’ancora a Kochi, e nessuno ci trova niente da dire. Infine ieri, 9 marzo, giunge la notizia della richiesta da parte del nostro governo dei buoni uffici del servizio diplomatico dell’Unione Europea. E questo è il massimo tenuto conto dei rapporti tradizionalmente più che gelidi tra tale servizio e la Farnesina. Di solito i nostri ambasciatori se appena possono guardano i diplomatici dell’Unione Europea senza vederli, non li invitano nemmeno ai loro cocktail. Che adesso li chiamino in aiuto è segno che si sentono davvero in fondo al pozzo.
Stando così le cose non resta infine che domandarsi, sperando che qualcuno ci risponda: che cosa (a parte il petrolio) ha a bordo la “Enrica Lexie”? Dove mai stava andando?

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Non è che si stava meglio quando si stava peggio? Dopo la tragica fine dell’ingegnere sequestrato in Nigeria e la stranissima storia dei due fanti di Marina arrestati in India viene da domandarselo.

  1. gv ha detto:

    caro Robi,
    mi sembra troppo facile criticare e basta !!!
    1. non tutti i bliz finiscono bene per definizione !
    2. se il capitano di una nave decide di entrare in porto, cosa può fare il ministro degli esteri ?
    Se c’ è nostalgia del recente passato lo si dica chiaramente ! Ricordo che l’ attuale governo è stato messo in carica … dalla politica (destra & sinistra) che ha fallito la sua missione (e dovrebbe andare a casa).
    saluti, con affetto
    gv

    • Robi Ronza ha detto:

      Mi pare che si siano ancora una volta dovuti fare i conti con un comandante e forse anche con un armatore non all’altezza della situazione. Dopo quello che era successo il comandante doveva restare in acque internazionali in attesa di istruzioni e frattando consultarsi con il suo armatore e con l'”unità di crisi” della Farnesina, e nient’affatto obbedire all’invito della guardia costiera indiana a fare rotta su Kochi. In secondo luogo i due militari in uniforme e in servizio armato non dovevano affatto scendere dalla nave e consegnarsi alle autorità locali. Chi ha dato loro l’ordine di scendere? Ecco un’altra domanda che resta sin qui senza risposta. Per garantire su una nave di tale stazza un servizio permanente di guardia minimo di almeno due uomini occorre averne sei, ciascuno impegnato in un turno di 8 ore ogni 24, al comando di un ufficiale o almeno un sottufficiale. Si tenga poi conto che questi nuclei di militari di scorta anti-pirateria sono agli ordini dei loro superiori e non del comandante della nave. Stando così le cose, chi ha dato ordine ai due fanti di Marina di scendere dalla nave e di andare a consegnarsi alla polizia di Kochi? Ecco una domanda che resta ancora da fare prima a qualcuno da cui i due dipendevano (qualcuno che attualmente se ne sta zitto, zitto sulla nave insieme ad almeno altri quattro militari di truppa); e poi allo Stato maggiore della nostra Marina Militare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...