Elezioni in Italia, ventata di ostracismo: va bene chiunque non c’entri niente con quelli che c’erano prima (o riesca a fare credere che sia così)

Taccuino Italiano, Giornale del Popolo, Lugano,  21 maggio 2012
In prima battuta la tornata di elezioni comunali — conclusasi in 188 comuni italiani con  i ballottaggi di ieri e dell’altro ieri — sembra una grande sconfitta del centrodestra, sia del PdL di Silvio Berlusconi e Angelino Alfano sia della Lega Nord ieri di Umberto Bossi e oggi sempre più di Roberto Maroni, che ha perso sette poltrone di sindaco su sette.  Il centrodestra nel suo insieme ha perso in tutti i capoluoghi andati al ballottaggio ove governava: a Como, Monza,  Alessandria, Asti e Lucca. In prima battuta è proprio così: è una grande sconfitta del centrodestra.

Se però si va oltre le prime impressioni o oltre la teatralità delle TV ci si accorge che è anche qualcosa di più:  una grande sconfitta dell’intero establishment politico della vicina Repubblica. Sulla base di risultati già chiari, anche se non ancora definitivi mentre scriviamo, a Parma ha trionfato il “grillino” Federico Pizzarotti che si sarebbe attestato, secondo i primi dati, al 60% ( i “grillini” hanno vinto poi anche a Mira, importante comune della Terraferma veneziana e a Comacchio, a sua volta importante comune della zona del delta del Po). A Palermo Leoluca Orlando (sostenuto dall’ Idv di Antonio Di Pietro, da liste di sinistra e dagli ecologisti) è arrivato al 73,04% dei consensi. A Genova il candidato del centrosinistra, il “vendoliano” Marco Doria, ottiene il 60% circa dei consensi e batte Enrico Musso del Terzo Polo che si ferma al 40%.  In tutti i comuni più importanti, insomma, i candidati del centrodestra o sono stati battuti o già erano rimasti fuori dai ballottaggi, ma coloro che li hanno sconfitti o non sono del Pd di Pierluigi Bersani o quando lo sono non appartengono alla corrente che fa capo a lui bensì a quella del suo antagonista Nicki Vendola. Inoltre la percentuale dei votanti è stata bassissima rispetto alla tradizione italiana. Domenica, nella prima giornata di votazioni, alle 22 era andato alle urne il 36,2% degli aventi diritto contro il 47,6% della stessa ora al primo turno.

Fa particolare impressione la vittoria a Parma di un candidato sindaco espresso dal Movimento Cinque Stelle fondato dal giullare-tribuno Beppe Grillo, il cui unico contenuto è la denigrazione sempre eccessiva, claunesca anche se talvolta (ma non sempre)  documentata contro il ceto politico in quanto tale. Ciò che comunque accumuna la platea elettorale di queste votazioni è, da Nord a Sud e da Est a Ovest, una volontà di ostracismo contro il ceto politico al potere. E’ questo il filo comune che rende comprensibili scelte altrimenti molto eterogenee come ad esempio quella dell’aristocratico Marco Doria a Genova, del vecchio notabile Leoluca Orlando a Palermo e appunto del giovane “grillino” Pizzarotti a Parma. Sono insomma sempre più numerosi coloro che non vanno più a votare, ma quelli che ci vanno hanno principalmente un desiderio: disarcionare chi era in sella e mettere al suo posto qualcuno che sia o che sembri fuori dal proverbiale Palazzo (o perché mai c’era stato, o perché come Leoluca Orlando, non c’è più da molto tempo ovvero è bravissimo nel far sembrare che sia così). E’ insomma un momento di furore, di volontà di distruzione di formule e di equilibri politici consolidati: qualcosa che di per sé spinge solo in direzione del caos. Oppure, diciamo in positivo, è un grido di protesta che potrebbe anche aprire la via a svolte salutari, ma solo nella misura in cui venissero alla ribalta un nuovo soggetto politico e un nuovo progetto politico che per ora non si vedono all’orizzonte, e che di certo non possono venir fuori dall’eterogenea e stravagante comitiva dei vincitori di queste votazioni.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Taccuino Italiano e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...