LIBIA: è inutile, e prima ancora è pericoloso, lasciare ad altri responsabilità che sono nostre

ATTENTATO IN LIBIA / Caso De Sanctis, non basta il gas a sostituire l’intelligence, Il Sussidiario, 14 gennaio 2013

Facendo sfoggio di una sorprendente  capacità diplomatica (se non di un’inattesa attitudine a dare prove magistrali di umorismo involontario), “fonti di intelligence” contattate dall’agenzia Adnkronos hanno  definito l’attentato subito lo scorso sabato sera dal console d’Italia a Bengasi, Guido De  Sanctis, “Non un attacco mirato, un atto ostile nell’ambito di qualche strategia anti-italiana”, quanto piuttosto un episodio che può inquadrarsi nella “volontà di colpire la presenza occidentale  in una fase storica in cui gli animi sono particolarmente accesi”.  La notizia, tempestivamente ripresa ieri da <Ilsussidiario.net>, allunga un’ombra oscura sul ruolo dei nostri servizi segreti: se le proverbiali “barbe finte” rubano il mestiere da un lato ai diplomatici e dall’altro ai comici da chi i nostri governi potranno sperare di avere le dritte che ci si attendono da loro?

Fatto sta che — a pochi giorni dalla conclusione del suo periodo di servizio in Libia e dal  suo trasferimento  da Bengasi a Doha —  alcuni individui dall’animo particolarmente acceso hanno teso un  agguato al console Guido De Sanctis  annaffiando di raffiche di armi automatiche la sua auto. Non sarà stato un “attacco mirato”, ma pur casualmente il console e il suo autista avrebbero lasciato la scena di questo mondo se la blindatura dell’auto non fosse stata all’altezza della situazione, facendo così la stessa fine che purtroppo l’11 settembre scorso avevano fatto nella stessa Bengasi  l’ambasciatore americano  Chris Stevens e altri tre suoi connazionali, i cui nomi non vennero poi resi noti. Come era Stevens, così  anche De Sanctis non è in Libia un diplomatico qualsiasi.  E’ un esperto di affari libici che nel febbraio 2011, allo scoppio della rivolta contro Gheddafi, era stato inviato a Bengasi a dare man forte agli insorti.  Avendo in precedenza servito in Libia presso la nostra rappresentanza diplomatica  a Tripoli, De Sanctis da Mosca ove si trovava venne allora richiamato a Roma, e quindi da Roma spedito a Bengasi, che come Stevens aveva raggiunto con un viaggio rocambolesco avvalendosi di mezzi di trasporto che per così dire erano probabilmente a carico misto. Rappresentava l’Italia a Bengasi quando il nostro governo del tempo riconobbe come interlocutori ufficiali gli insorti anti-Gheddafi del Consiglio nazionale di transizione,Cnt, ivi costituito. Fu lui a organizzare e a garantire la sicurezza delle visite-lampo in Libia dall’allora ministro degli Esteri, Franco Frattini, ancor prima della caduta di Tripoli e dell’uccisione di Muammar Gheddafi;  e poi a riaprire la sede del consolato italiano a Bengasi, che nel 2006 era stata devastata e saccheggiata da una folla di manifestanti.  Raggiunto per telefono dall’agenzia Ansa poco dopo l’attentato, con grande professionalità De Sanctis si è limitato a dire, “Sto bene”, senza aggiungere altro.

Rimandando a quanto sull’argomento già scrissi su <Ilsussidiario.net>, in particolare lo scorso 22 ottobre, mi limito qui a sottolineare concludendo che la situazione in Libia è quanto mai instabile e che, sia in forza del passato che del presente, nessuno più del nostro Paese può e quindi deve porre mano a una politica attiva  di aiuto alla pacificazione facendo innanzitutto leva sull’avvio di progetti di sviluppo condiviso. E’ inutile, e prima ancora è pericoloso, lasciare ad altri responsabilità che sono nostre. Non fa che aumentare il rischio che persone di animo “particolarmente acceso” volendo sparare  nel mucchio contro l’Occidente finiscano per sparare a noi.  Come già scrivevo, bene che in Libia ci sia l’Eni, ma da sola l’Eni non basta.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Il Sussidiario e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a LIBIA: è inutile, e prima ancora è pericoloso, lasciare ad altri responsabilità che sono nostre

  1. alberto cremona ha detto:

    ….bravissimo!Senza politica estera un paese è solo un servo destinato alla miseria!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...