Napolitano: Expo Milano 2015, un’occasione da non perdere

Taccuino Italiano, Giornale del Popolo, Lugano,  10 luglio 2013

Domenica scorsa il presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, si è recato in Lombardia per dare con la propria presenza il massimo impulso possibile a un evento di rilancio dell’Esposizione Universale 2015 (che prende il nome da Milano anche se in effetti avrà luogo in un’area compresa non nel territorio della metropoli lombarda bensì in quelli di Rho e di Pero, due comuni limitrofi). Ormai a meno di tre anni dalla sua inaugurazione, nel cantiere dell’area espositiva fervono i lavori; e sono a oggi 131 i Paesi che hanno annunciato la loro partecipazione. Già adesso Milano Expo 2015 ha perciò il primato assoluto per numero di Paesi partecipanti nella storia ormai lunga oltre due secoli delle Esposizioni Universali. Se tutto ciò è molto positivo meno positivi invece sono i perduranti strascichi di quello che si potrebbe definire il..peccato originale dell’iniziativa ovvero l’incerta struttura della sua direzione. E’ questo un problema che accompagna l’operazione sin da quando nel 2008 la metropoli lombarda venne prescelta quale sede dell’Expo 2015. E si può essere certi che non verrà mai compiutamente risolto dal momento che è un riflesso della confusione di ruoli che caratterizza la Repubblica Italiana in questa complicata fase della sua storia. L’attuale governo di grande coalizione, presieduto da Enrico Letta, ha ora sostituito i due precedenti Commissari, Roberto Formigoni e Giuliano Pisapia, con un Commissario Unico nella persona di Giuseppe Sala, l’amministratore delegato della società che sta costruendo il sito espositivo: una scelta limpidamente tecnocratica e quindi di respiro un po’ corto, ma che se non altro sembrava avere il vantaggio di essere chiara. In effetti però non è così dal momento che il governo ha trattenuto a Roma, senza passarle al Commissario Unico, quasi tutte le competenze relative alla gestione dei rapporti internazionali connessi all’Expo. Tenuto conto del carattere tipicamente internazionale dell’avvenimento ciò equivale a dire che, a parte le opere murarie, il governo di Roma ha voce in capitolo su qualsiasi cosa. Frattanto però non è ancora chiaro chi parlerà al riguardo a suo nome: un ruolo di grande rilievo che perciò diversi ministeri romani si stanno disputando.

Malgrado tutti questi problemi l’Esposizione si prospetta comunque come una storica occasione di scambi e di esperienze culturali alla scala planetaria. Il suo tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita” rinvia a qualcosa che – diversamente da quanto molti osservatori un po’ frettolosi affermano —  va molto al di là dei pur cruciali problemi della sicurezza alimentare e della certezza dell’alimentazione. Punta ben più in alto, mirando piuttosto alla convivialità come essenziale esperienza umana (da cui ovviamente discendono anche la sicurezza alimentare e la certezza dell’alimentazione, ma solo come seppur primarie conseguenze). E’ in larga misura grazie al prevalere di tale “filosofia” che la candidatura di Milano si affermò infine su quella di Smirne: una filosofia  che più tardi in buona parte confluì nel Documento strategico dell’Esposizione Universale di Milano, 2015, un testo pubblicato nello scorso ottobre 2012 che è da considerare attentamente.

In quanto primo Paese (dopo l’Italia, la cui adesione era ovvia) ad aver deciso di partecipare all’Esposizione, la Svizzera ha per così dire una “primogenitura”. Ci si deve augurare che la spenda al meglio dando all’Esposizione Universale di Milano del 2015 il contributo di primo piano che può certamente dare.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Taccuino Italiano e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Napolitano: Expo Milano 2015, un’occasione da non perdere

  1. P@t ha detto:

    condivido subito con i miei gruppi FB

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...