Lo scandalo del “Datagate” e la lezione di Tucidide

A che serve spiare il Papa?, editoriale, Il Sussidiario, 31 ottobre 2013

La notizia secondo cui la rete di intercettazione della National Security Agency, NSA, l’ente di spionaggio telefonico e telematico del governo di Washington, potrebbe tenere sotto controllo anche i telefoni di Papa Francesco ha aggiunto in questi giorni ulteriore clamore al cosiddetto Datagate, uno scandalo tanto enorme quanto paradossale. Come Tucidide, padre della storia, già quattro secoli prima di Cristo sottolineò nella sua magistrale rievocazione del discorso degli ambasciatori di Atene agli abitanti dell’isola di Melo, il più forte tende “naturalmente” a prevaricare sul più debole. E in quanto alle telecomunicazioni  la forza  degli Stati Uniti è oggi assoluta alla scala planetaria. Si tratta in effetti di uno dei tre pilastri della loro super-potenza, mentre gli altri due sono rispettivamente la superiorità militare, basata su una gigantesca forza aero-navale (gli Usa hanno in linea dieci portaerei d’attacco da oltre 100 mila tonnellate quando nessun  altro Paese del mondo dispone di nemmeno una sola nave del genere) e l’imposizione sin dal 1944 del dollaro quale unica moneta di riserva pure alla scala planetaria. Sviluppatosi durante la Seconda guerra mondiale, ai tempi della radiotelegrafia, confermatosi al tempo delle telescriventi, il dominio americano sulle telecomunicazioni si è ulteriormente esteso fino a divenire un controllo assoluto quando le porte di Internet, una rete non a caso nata a fini militari, sono state aperte all’utenza civile.

E’ davvero curioso che nessuno o quasi si domandi come mai tale servizio venga offerto gratuitamente a chiunque quando i suoi costi di gestione e di sviluppo non possono che essere giganteschi. La risposta è facilmente intuibile, anzi ovvia: l’utile dei grandi gestori del sistema, che sono tutti americani, deriva dalla vendita dei frutti mirati del filtraggio dei contenuti dei milioni e milioni di messaggi che circolano in ogni istante nella rete. Nella misura in cui è anonimo (e in genere il cliente privato non ha bisogno che tale non sia) tale filtraggio serve a individuare linee di tendenza, gusti, modelli di consumo, aspettative che poi grandi gruppi industriali-finanziari sono interessatissimi a conoscere per primi spendendo quel che c’è da spendere. Nella misura invece in cui non è anonimo (e il cliente pubblico, istituzionale ha invece quasi sempre bisogno che anonimo non sia) tale filtraggio diventa un colossale strumento di spionaggio tanto politico-giudiziario quanto industriale che per amor di patria i grandi gestori di Internet riservano al governo e ai gruppi industriali e finanziari del loro Paese. Finché, come finora accade, tale assoluto controllo non può venire sfidato da nessuno, chi ne ha le leve non incontra alcun altro limite se non quello della propria coscienza. Si deve dire a loro merito che nel caso degli Stati Uniti tale limite non è affatto irrisorio. Non c’è infatti altro grande Paese al mondo ove più ci si preoccupi che il governo agisca legalmente e moralmente. Si tratta però di un Paese imperiale, che perciò distingue in modo molto marcato tra i cittadini e gli stranieri, e tra quanto si può fare sul proprio territorio e quanto si può fare altrove. Basti dire che secondo la legge degli Usa il governo non può intercettare senza mandato della magistratura telefonate e messaggi di cittadini americani, ma può farlo liberamente se si tratta di cittadini stranieri.

Quindi nel caso della NSA, esploso nello scorso giugno a seguito delle rivelazioni di Edward Snowden, ciò che fece scandalo negli Stati Uniti non fu che l’Agenzia avesse spiato cittadini stranieri (cosa che là non sorprende né indigna nessuno) bensì che avesse aggirato il divieto di spiare senza legittimo mandato dei cittadini americani chiedendo di farlo per suo conto ad agenzie simili di altri Paesi anglofoni molto amici (Gran Bretagna, Australia, Nuova Zelanda ecc.). Analogamente le norme di garanzia riguardo a interrogatori, detenzione e processi vincolano organi inquirenti e organi della magistratura se indagini, incarcerazioni e processi avvengono su suolo americano, ma non valgono fuori del territorio nazionale. Perciò ad esempio nella base militare Usa di Guantanamo, che sorge su un lembo del territorio di Cuba, a coloro che sono là detenuti può succedere tutto quello che si sa che succede. Concludendo diremo ancora una volta che Tucidide aveva ragione a sostenere che la storia è un campo dove la forza può trovare un limite solo nel dispiegarsi di un’altra forza. Non aveva però fatto in tempo a comprendere che sulla scena della storia pesano non soltanto le forze materiali ma anche quelle spirituali e culturali. Non si può quindi escludere che, a seguito della denuncia di Snowden e di tutto ciò che ne sta derivando, emergano nel mondo forze tali da porre limiti anche a una macchina di  spionaggio gigantesca come quella che è connaturata a Internet. Fino a quel momento tuttavia dobbiamo partire dal presupposto che al telefono e al computer sempre veniamo filtrati, e  potremmo talvolta venire anche specificamente ascoltati dall’altra riva dell’Atlantico. Nel loro piccolo, come è noto, lo fanno a piene mani anche sacrosante istituzioni del nostro Paese.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Il Sussidiario e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...