“Il mostro è l’ignoranza anti-Ogm”

Lettera al direttore di Tempi

21 gennaio 2014

Caro Direttore,

«A lezione di verità»: prendendo sul serio l’orgoglioso «occhiello» che  in Tempi n.3/2014 invita alla lettura di un’intervista a Pierdomenico Perata aperta dal sobrio titolo “Il mostro è l’ignoranza anti-Ogm”, vorrei fare qualche osservazione sul tema.In sostanza la questione Ogm sì / Ogm no è prima di tutto storicamente superata. Ormai gli Ogm ci sono, e il loro impiego alla scala planetaria è una realtà tanto innegabile quanto irrefrenabile. Tenuto conto delle dimensioni del mercato agricolo mondiale, il fatto che gli Ogm non siano benvenuti in sede di Unione Europea è secondario. Nel campo della produzione agro-industriale l’unica differenza tra i Paesi che li ammettono e quelli che non li ammettono è  che l’industria dei primi se ne può rifornire anche sul mercato interno mentre quella dei secondi li va a comprare dall’estero. Visto che comunque il loro parere e la loro volontà hanno prevalso, speriamo che il prof. Perata, e tutti gli altri ben certi come lui che gli Ogm non siano nocivi, abbiano ragione. Altrimenti in futuro dovremo fare come adesso, ad esempio, si deve fare con l’amianto: liberarci a caro prezzo di qualcosa che un tempo nessuno credeva fosse tanto pericoloso.

Ciò detto, almeno a mio avviso, il caso è chiuso. Resta però aperta la questione fondamentale, quindi propriamente politica: quella dello spazio che in genere è opportuno dare agli Ogm. Se gli Ogm sono un modo innocuo per incrementare la produzione agraria di massa tanto meglio, ma in ogni caso resta ancora da affrontare il problema della loro convenienza non solo economica ma anche sociale e culturale. Una volta però che viene portato a questo cruciale livello, oggi nel nostro Paese il dibattito purtroppo si degrada subito in modo preoccupante. Cedendo a  tentazioni uguali e contrarie a quelle che il prof. Perata vede dilagare nel mondo della politica, molti accademici, andando ben oltre il loro ruolo di scienziati, se favorevoli agli Ogm accusano coloro che li vedono di mal occhio di voler affamare il mondo; e se invece sfavorevoli agli Ogm accusano coloro che li sostengono di farlo solo perché sono al soldo delle multinazionali che dominano il mercato mondiale delle sementi. Ne consegue che gli uni di fatto si mobilitano a favore di politiche che strozzano l’agricoltura contadina, mentre gli altri sarebbero lieti di strozzare, se solo ne avessero la forza, l’agricoltura industrializzata.

E’ urgente a mio avviso liberarsi da questo…scontro fra estremisti di opposte tendenze. Ognuno di questi due modi di coltivare la terra per produrre alimenti  ha e deve avere un suo spazio, un suo attuale mercato e un suo futuro. Non conviene a nessuno, e tanto meno a noi, glorificare l’uno e dannare l’altro. Lasciamo  che siano il tempo e i consumatori a decidere quale ruolo e quali dimensioni assegnare – dico semplificando – al mondo del “McDonald”, dei cibi pronti surgelati e della soia, e rispettivamente a quello di Slow Food, di Papillon e della Fondazione Gino Girolomoni (con tutte le loro rispettive e rilevanti  differenze). Mi auguro che Tempi dia un efficace contributo in questo senso.

Cordiali saluti

Robi Ronza

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Diario e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Il mostro è l’ignoranza anti-Ogm”

  1. Roberto Bera ha detto:

    Finalmente su quel tema una posizione ragionevole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...