Ucraina: la strage… concordata di cui nessuno parla

Ucraina:  se i media spengono le luci, La Nuova Bussola Quotidiana,  3 giugno 2014

Il presidente americano Obama giunge oggi   a Varsavia, prima tappa di un viaggio che lo porterà poi a Bruxelles, a Parigi e nei luoghi dello sbarco in Normandia,  di cui si commemora quest’anno il cinquantesimo  anniversario. Obiettivo del viaggio:  convincere  della bontà  della sua attuale  politica di forte contrapposizione con Mosca gli altri membri del G 7 (tornato tale, dal G 8 che era, a seguito del mancato invito a Putin), riuniti per l’occasione; e inoltre rassicurare i Paesi europei più vicini o comunque più esposti alle  pressioni della Russia.  Nella capitale polacca si incontra perciò con i capi di governo di dieci Paesi dell’Europa centro-orientale tra cui il nuovo presidente ucraino Petro Poroshenko.

Ci sono quindi tutte le condizioni perché  il grande circo della cronaca politica radio-televisiva internazionale punti tutti i suoi riflettori sul viaggio del presidente americano; e perciò volga ulteriormente le spalle a quanto sta accadendo nei territori russofoni dell’Ucraina orientale.  Ci sono pertanto tutte le condizioni  perché possa pure procedere con la minima eco possibile l’attacco, anzi lo sterminio – evidentemente concordato tra Mosca e Kiev – delle formazioni  composte da miliziani russi, cosacchi e ceceni che  erano entrate in quei territori  proclamando di volerne propugnare l’indipendenza ma in realtà puntando a farne poi delle zone a sovranità indeterminata  da usare  quale base per  ogni genere di oscuro traffico:  qualcosa di simile a ciò che già è la Transdniestria, la striscia di territorio moldavo di lingua russa  che si estende al di là del fiume Dniestr al confine con l’Ucraina.  L’analisi dei fatti e l’osservazione delle sempre meno numerose immagini che giungono da quella parte del mondo consentono di intuire che ciò sta già avvenendo.  Non è una strage degli innocenti, ma ciononostante di una strage si tratta: di una strage della quale il grande pubblico radio-televisivo viene e verrà poco o nulla informato e poco o nulla chiamato a scandalizzarsi.  Putin e Poroshenko hanno evidentemente raggiunto un accordo in forza del quale l’Ucraina rinuncia alla Crimea, e in cambio la Russia non sostiene più le spinte secessioniste delle regioni orientali dell’Ucraina. In questo quadro l’eliminazione delle milizie di cui si diceva è un favore che l’Ucraina fa tanto a se stessa quanto alla Russia. Siamo nel campo di cruente tortuosità che fanno venire alla memoria l’Italia o la Francia del secolo XVI oppure il Vicino  e Medio Oriente di oggi.  Non cruento, ma tuttavia altrettanto tortuoso, è poi il complesso rapporto che al di là ogni temporanea tensione lega la Germania,  la quale ha grande bisogno di comprare gas naturale,  alla Russia che ha grande bisogno di venderlo.  In un contesto caratterizzato da tutte queste complessità non sarà facile per Obama raggiungere l’obiettivo che si prefigge. Dal 1991 in poi Mosca ha dovuto subire un grande arretramento  della propria area d’influenza.  Per l’ Europa la Russia  è un importante vicino, e non semplicemente un Paese lontano situato in un altro continente.  Pretendere di far entrare nella Nato anche una “piccola Russia” come l’Ucraina (e domani magari anche come la Bielorussia)  equivale a correre il rischio che il bacino del Dniepr si trasformi un altro Vicino e Medio Oriente: qualcosa che può convenire agli Stati Uniti e alla Gran Bretagna, ma non certo all’Europa continentale e mediterranea.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...