Lupi nella bufera, ovvero la diffamazione come strumento di lotta politica

Non è indagato, ma per i giornali Lupi è colpevole, La Nuova Bussola Quotidiana, 19 marzo 2015

“Lupi al centro della bufera anche se non è indagato”: quando, come accade in questi giorni, in giornali e telegiornali si leggono o si ascoltano titoli del genere significa che non si stanno ricevendo delle notizie, pur variamente interpretate. Significa piuttosto che qualcuno sta cercando di manipolare milioni di persone tra cui noi. Tutto il contesto nel quale il titolo è confezionato segnala che in effetti s’intende dire quanto segue: “ Lupi è colpevole, e noi lo sappiamo bene; per il momento la magistratura non lo dice ma aspetta l’occasione buona per dirlo”. Se l’Ordine dei Giornalisti fosse davvero tale, manipolazioni del genere verrebbero subito censurate. Siccome invece è un organismo quanto mai «politically correct» si può stare certi che non lo farà. Lo avrebbe magari fatto se sotto tiro fosse stato qualche notabile del progressismo borghese, ma non in un caso come questo in cui  si tratta nientemeno, figuriamoci, che di un politico del Nuovo Centro Destra.

Ci sono parole cui in forza di una tale prassi si è mutato il senso, come appunto “indagato” oppure “avviso di garanzia”. Adesso è arrivata anche la bufera, che ha il vantaggio di prescindere dal pur minimo appiglio formale. Non c’è bisogno per questo di alcun atto giuridico. Basta che un coro di tuoi avversari politici cominci a gridare  contro di te ed ecco  che ti ritrovi nella “bufera”. Un termine insidioso perché, in grazia della sua origine meteorologica, ha un sapore naturale, obiettivo, anche quando invece è il frutto di una montatura a freddo.

Sulla base dei dati disponibili dovrebbe esser chiaro a chiunque che la campagna contro il ministro Maurizio Lupi altro non è che la nuova puntata di un evidente processo di emarginazione di una forza politica che dà fastidio sia a destra che a sinistra. Le somiglianze di metodo e di stile con la puntata precedente, quella che costò il posto di ministro a Nunzia Di Girolamo, sono lampanti.

Ciò detto si possono poi avere tanti pareri sul Nuovo Centro Destra e sulle sue prospettive. Democrazia e libertà vorrebbero però che il suo destino venisse deciso da noi elettori quando si voterà, e non dagli intrighi del Palazzo (di cui la stampa “illuminata” e i giullari ufficiali fanno parte a pieno titolo).

 

Advertisements

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lupi nella bufera, ovvero la diffamazione come strumento di lotta politica

  1. michelecrt ha detto:

    Due pesi e due misure 3 sottosegretari PD indagati se ne guardano bene di dimettersi. E il PD candida un condannato alla presidenza della Campania. Sì ma quando come NCD si accetta di fare i lacchè, la stampella della sinistra poi non ci si deve lamentare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...