Cameron vuole rinegoziare i trattati europei. Ha ragione, e dovremmo farlo anche noi

Cameron rompe il tabù dei Trattati dell’Ue, La Nuova Bussola Quotidiana, 30 maggio 2015

Valutando che oggi siano questi i Paesi che contano davvero sulla scena europea, senza passare per Roma il premier britannico David Cameron ha fatto ieri e l’altro ieri un rapido giro in Europa toccando le capitali di Francia, Paesi Bassi, Polonia e Germania. Tema dei colloqui, il più importante dei quali

era ovviamente quello a Berlino con Angela Merkel: la proposta britannica di avviare un processo di riforma dei trattati su cui si fonda l’Unione Europea. Il giro di Cameron ha coinciso con la sua presentazione al Parlamento britannico dello Eu Referendum Bill, il progetto di legge in forza del quale entro la fine del 2017 gli elettori saranno   chiamati in Gran Bretagna a rispondere “sì” o “no” al quesito: “Deve il Regno Unito continuare a essere membro dell’Unione Europea?”. Al momento tutto conferma che il grosso degli elettori è per il “no”. Cameron, che per parte sua è per il “sì”, chiede perciò una revisione dei trattati tale da riorientare verso il “sì” anche la maggioranza dei suoi concittadini. Le sue non sono però per adesso delle domande precise. Senza ulteriori precisazioni Cameron invita genericamente gli altri  capi di governo dell’Unione a essere “flessibili e creativi”. A parte questo il premier britannico sollecita una politica meno benevola verso i migranti irregolari che cercano accoglienza in Europa, ed è preoccupato che un ulteriore rafforzamento dell’eurozona possa far danno alla City di Londra, oggi centro finanziario di importanza planetaria. Vuole inoltre aver garanzia che quegli Stati membri che, come la Gran Bretagna, non intendono partecipare al processo di “sempre maggior unione” dell’Ue non ne diventino perciò dei membri di serie B. In tale quadro il progettato referendum del 2017 è da lui evidentemente inteso come uno strumento di pressione sui partner europei.

Al riguardo è ovviamente decisiva la risposta della Germania, che finora resta tuttavia interlocutoria. E c’è nei circoli governativi tedeschi chi non esita a sostenere che un negoziato con Londra sotto la minaccia del referendum  non sia accettabile per principio. Alla vigilia del suo incontro con il premier britannico il cancelliere tedesco Angela Merkel aveva dichiarato di augurarsi che la Gran Bretagna continui a far parte di “un’Europa forte e di successo” . Nella conferenza stampa seguita ieri all’incontro Merkel ha poi inaspettatamente aperto all’eventualità di ritocchi ai trattati. Pare insomma che adesso ritenga anche lei, come sostiene Cameron, che le modifiche auspicate da Londra (o almeno alcune di esse) siano “a vantaggio non solo della Gran Bretagna ma anche del resto d’Europa”.

In realtà non è detto  che sia così, ma c’è comunque un fatto che rende in ogni caso l’iniziativa di Cameron importante anche per un Paese come il nostro.  Grazie ad essa si rompe il tabù dell’intoccabilità dei trattati istitutivi dell’Unione Europea e di tutto il reticolo di pseudo-leggi che ne derivano, molte delle quali oggi vanno ben oltre le sue competenze. Oggi come oggi l’Unione Europea è una struttura che dilaga in modo tendenzialmente neo-autoritario; e  che è sempre più legata a una Germania per parte sua sempre più prussiana.  Per la causa sia della libertà che del ruolo complessivo dell’Europa nel mondo attuale occorre rinnovarla profondamente.  I motivi per cui un Paese come il nostro ha motivo di essere insoddisfatto dell’Unione sono spesso diversi da quelli per cui ne è insoddisfatta la Gran Bretagna, ma in comune abbiamo l’interesse a rompere il muro dello status quo. Per questo, se ci dotassimo finalmente di una politica estera attiva e non casuale, avremmo tutto l’interesse ad appoggiare Cameron nella sua richiesta di avviare un processo di revisione dei trattati europei.

 

 

 

 

 

 

 

Advertisements

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Cameron vuole rinegoziare i trattati europei. Ha ragione, e dovremmo farlo anche noi

  1. roberto ha detto:

    Ho sentito dire, rovistando su internet, che in Austria a fine giugno ci sarà una raccolta di firme per avere un referendum per uscire, non già solo dall’Euro, ma anche dall’Unione Europea? E’ vero? Non se ne parla ma sarebbe una notizia veramente destabilizzante. Ne sa qualcosa in più?

  2. francesco taddei ha detto:

    inglesi, polacchi e ungheresi stanno riscoprendo i valori nazionali. gli inglesi forse per calcolo economico, ma polacchi e ungheresi si ribellano alla propensione euroburocratica di omologazione con decisioni dall’alto. l’italia non è una comunità unita, ci stiamo autodistruggendo culturalmente e lasciamo porte aperte a qualsiasi invasione. in più ce la menano col mantra dell’europa bene assoluto, tra uomini di sinistra, moderati(cioè gente che lavora per non cambiare nulla) e preti,
    che dell’identità italiana hanno smesso di occuparsene da generazioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...