Terrorismo islamista, sbando dell’Occidente “laico” e presenza cristiana

Jihad e nichilismo, è la crisi dell’Occidente, La Nuova Bussola Quotidiana, 27 giugno 2015

La coincidenza non era stata evidentemente voluta, ma c’era qualcosa di tragicamente simbolico nell’intrecciarsi ieri delle notizie sul sangue sparso da terroristi islamici in Tunisia, nel Kuwait e in Francia con quelle sulla sentenza con cui la Corte Suprema degli Stati Uniti impone lo pseudo-matrimonio omosessuale in tutto il Paese. Nello sventolare in Internet delle bandiere nere dell’ISIS sui siti jihadisti da una parte e dall’altra, sul sito ufficiale della Casa Bianca, lo sventolare della bandiera arcobaleno prima e più in alto di quella a stelle e strisce; per non dire dello stesso logo del sito, con la Casa Bianca divenuta essa pure per l’occasione color arcobaleno. E aggiungiamoci anche nel nostro piccolo il varco verso la propaganda del “gender” che si è aperto nelle scuole statali italiane con la legge di riforma passata ieri in Senato con voto di fiducia.

Una nuova barbarie sta tentando l’assalto a mano armata a un modo di convivenza civile che non è certo né perfetto né immacolato, ma che comunque è quanto di meglio si sia finora affacciato alla ribalta della storia; un modo di convivenza civile radicato in Occidente, che senza l’Occidente non potrebbe crescere  altrove;  un modo di convivenza civile che è in primo luogo e sostanzialmente fondato sul cristianesimo. E proprio in un giorno nel quale il terrorismo islamista sferra contemporaneamente attacchi in Europa, in Africa e in Asia, tra grandi squilli di trombe mediatiche la maggiore potenza occidentale del nostro tempo  fa un balzo in avanti verso lo sgretolamento della società civile, di cui la famiglia secondo natura è la prima base, e verso la sua sostituzione con una società “liquida”, disancorata da qualsiasi valore e da qualsiasi impegno comune. Una società che perciò, malgrado una sua pur enorme superiorità tecnica e militare, non sarebbe in grado di reggere alla minima sfida.

Il nichilismo, la società “liquida” sono (si fa per dire) dei lussi che ci si possono permettere quando si ha una superiorità assoluta, quando si dispone di un potere imperiale, quando si può essere certi di vincere qualsiasi battaglia senza versare una goccia del proprio sangue. Oggi non è più questo il nostro caso, se mai lo è stato. In tale situazione i cristiani, la gente di fede, si trovano ad avere una specifica e grande responsabilità. Tutti questi che non  pensano ad altro se non alla propria personale affermazione, e non hanno altra meta se non il soddisfacimento dei propri immediati desideri, sono la preda inerme e predestinata di qualsiasi aggressore. Senza valori condivisi, e senza legami forti e irrevocabili, anche disponendo di armi ultra-potenti non si regge lo scontro nemmeno con un avversario armato di un  semplice bastone. E così dicendo mi riferisco non solo alle armi in senso stretto ma anche alle armi della fermezza, della cultura, della tecnica, delle ricerca scientifica, della capacità organizzativa.

Urge perciò, prima che sia troppo tardi, un’iniziativa forte, un’assunzione di responsabilità che parta dal vissuto quotidiano per giungere al più presto anche ai livelli più complessi della vita pubblica e delle relazioni internazionali. Oggi bande di terroristi che sono in effetti poca cosa tengono in scacco i Paesi più sviluppati e materialmente più potenti del mondo. Per liberarsene occorre un progetto di politica estera organico e attivo, e non casuale e passivo come quelli che oggi vediamo sul tappeto. A monte di tutto questo però occorre, da parte di tutti coloro che hanno buoni motivi per farla, la mobilitazione umana e civile di cui si diceva.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Terrorismo islamista, sbando dell’Occidente “laico” e presenza cristiana

  1. Michele Corti ha detto:

    Parole sacrosante ma che impongono anche qualche riflessione critica anche all’interno del campo cattolico. L’imposizione del matrimonio gay è stata salutata con giubilo dalle multinazionali che avevano apertamente esercitato la loro capacità di lobby. Il matrimonio gay consegna un lucroso mercato per la fabbricazione di esseri umani grazie alla possibilità di fare ricorso a qualsiasi tecnica e biotecnologica. Su alcune delle tecniche riproduttive artificiali attualmente ci sono ancora limitrazioni ma la sentenza della corte suprema Usa è come il crollo di una diga. Tutto ciò non trova opposizione ferma e coerente da parte dei cattolici perché in larga misura ancora subalterni a posizioni che ammettono (quando non esaltano) il trionfo della tecnoscienza e del capitalismo. Ma l’esito della tecnoscienza e del capitalismo è la trasformazione dell’uomo stesso in merce e in cosa manipolabile a piacere. Eppure la maggior parte dei cattolici non riesce ancora a vedere in tutto ciò un programma di negazione del progetto di Dio, del progetto della creazione e quindi un progetto di satana. A parte queste contraddizioni e debolezze, lasciti di un compromesso al ribasso con la modernità che non è di oggi, come non rilevare che oggi, a fronte della programmatica opera di demolizione della famiglia, della dignità e identità della persona umana i cattolici si presentano divisi (come alla manifestazione di San Giovanni a Roma) e che se il gender si è infiltrato nelle scuole non lo si deve solo ai cattocomunisti ma anche a un ciellino come Lupi? Forse non si riflette anche abbastanza sul fatto che la debolezza dell’occidente è legata non solo al tenace perseguimento della demolizione dei valori fondanti della civiltà cristiana da parte di nemici dichiarati di Dio ma anche allo sconcerto del popolo di Dio di fronte al tentativo da parte non solo dei protestanti, da sempre cappellani del capitalismo, ma anche dei cattolici di ostinare ad adattarsi (nell’illusione di conservare influenza e peso economico e politico) a qualcosa che i semplici fedeli percepiscono come il limite oltre il quale non è più possibile alcuna negoziazione. E di fronte alle città europee percorse dai cortei osceni del gay pride e all’apparente impotenza del cristianesimno organizzato nel fermare l’opera del maligno non pochi potrebbero pensare che l’Islam rappresenti un male di gran lunga minore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...