Giussani, l’attiva simpatia e l’irrevocabile distanza critica

Giussani e la politica, quando le citazioni sono parziali, La Nuova Bussola Quotidiana, 29 giugno 2015

Sia alla scala internazionale per l’evidente incapacità dell’Occidente secolarizzato di dare una risposta reale alla sfida del terrorismo islamista, e sia alla scala nazionale a seguito della mobilitazione autoconvocata all’origine della sorprendente assemblea di massa dello scorso 20 giugno a Roma, la questione della presenza pubblica dei cristiani nel mondo in cui viviamo sta tornando con urgenza alla ribalta. Nel nostro Paese ciò implica inevitabilmente una rinnovata attenzione per la vita, per il pensiero e per l’opera di Luigi Giussani, e per Comunione e Liberazione, il movimento ecclesiale che (quasi suo malgrado) gli nacque tra le mani.

In un’epoca, nel gelo della Guerra fredda,  in cui tale presenza pareva ai più potersi risolvere con una delega quasi incondizionata al partito della Democrazia Cristiana, Giussani e Cl furono antesignani di una svolta, ben presto bollata come “integrismo” dall’ordine costituito del tempo, che venne pagata a caro prezzo dai più diversi punti di vista, da quello ecclesiale a quello politico-culturale. Oggi, in un contesto in superficie molto mutato, ma che nel profondo non fa che confermare le acute previsioni di Giussani su quello che sarebbe stato il nostro presente, tornare a lui diventa inevitabile. Nell’Italia della seconda metà del secolo scorso Giussani fu il primo a dire chiaramente e a motivare in modo argomentato che il cristiano ha il diritto e il dovere di occuparsi da cristiano di tutto, compresa perciò la vita pubblica e quindi tra l’altro la politica. Per questo non solo fuori ma anche dentro la Chiesa venne accusato di “integrismo”, e a ciò rispose  esaurientemente in sede sia teorica che pratica.

Sullo spunto dell’evento dello scorso 20 giugno a Roma, della valutazione al riguardo da parte della dirigenza di Cl nonché dell’adesione personale ad esso di un gran numero di “ciellini”, si è tra l’altro aperto un dibattito a proposito di  che cosa don Giussani avrebbe detto e fatto in circostanze del genere. Dico subito che non intendo affatto contribuire a tale dibattito, e ciò anche per fatto personale. Essendo l’intervistatore e poi l’estensore del libro-intervista di Luigi Giussani oggi disponibile col titolo Il Movimento di Comunione e Liberazione, 1954-1986 (BUR/Rizzoli, Milano, 2014), che è la principale fonte diretta sulla nascita e sui primi trent’anni di sviluppo di Cl, ho sempre scelto di restare nel mio ruolo di testimone oculare, seppur privilegiato, senza mai pretendere di pormi per questo come interprete autentico del pensiero e dell’opera di don Giussani. Ciò vale tanto più in questi tempi in cui spesso si cita, anche molto autorevolmente, un passaggio di tale libro: quello ove si parla dell’”irrevocabile distanza critica” che vi deve essere tra Cl, quindi in senso lato la Chiesa, e i “ciellini” impegnati in politica, quindi in senso lato la sfera del potere civile. In un certo senso le citazioni sono appunti, che rimandano poi il lettore attento all’insieme del passo da cui sono tratte. Siccome vedo  che questo non sempre accade,  mi permetto di sollecitare chiunque voglia cogliere esattamente il senso di tali parole alla lettura di quel passaggio (pagine 152 e seguenti della suddetta edizione BUR). Dopo aver preso le mosse dalla fondamentale affermazione secondo cui “il primo livello di incidenza politica di una comunità cristiana è la sua stessa esistenza”, un’affermazione dalla quale deriva tutto un insieme di rilevanti riflessi in sede pubblica, Luigi Giussani dice da un lato dell’”attiva simpatia” del movimento di Cl per quei suoi aderenti che sono impegnati nella vita politica e dall’altro dell’”irrevocabile distanza critica” nei loro confronti. Posta in tale contesto quest’ultima non si riduce dunque alla sbrigativa presa di distanze, magari anche un po’ furba, per cui in questi ultimi tempi alcuni osservatori la vogliono far passare. Senza ad ogni modo fare altri commenti rimando alla lettura del testo originale.

Advertisements

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Giussani, l’attiva simpatia e l’irrevocabile distanza critica

  1. Cecchin Stefano ha detto:

    Ciao Robi. M. Crippa mi pare si proponga da un po ‘ di tempo dalle pagine del Foglio quale interprete ufficiale …..e non solo su questo vicenda…….. Ciao stefano

    Inviato dal mio dispositivo Samsung

  2. alberto ha detto:

    Da osservatore mi pare che “l’attiva simpatia” abbia avuto sempre la meglio sulla “distanza critica”; MP è stata una diretta emanazione di CL e il popolo ciellino, finché tale gruppo è esistito, l’ha appoggiato pancia a terra, senza se e senza ma. Allo stesso modo, successivamente, i vari esponenti di CL che decidevano di entrare in politica hanno sempre goduto di un supporto più che totale del movimento con frotte di ciellini di ogni età che li sostenevano in vari modi nelle campagne elettorali che, di solito, vista la forza messa in campo, si concludevano con la regolare elezione.
    L’intervento di Ronza, comunque, mi pare che segnali vieppiù la tensione che vi è in CL fra la linea di Carron, volta ad un salutare passo indietro allo scopo di recuperare i fondamenti perduti, e quella dei “nostalgici” che vorrebbero il movimento sempre in prima fila. Imperdibile da questo punto di vista quanto scritto da Socci sul suo sito in cui ha invitato in modo piuttosto villano Carron, reo di non avere fatto partecipare il movimento alla manifestazione di Roma, a prendere il primo aereo per Madrid. Comunque sia, il prete spagnolo sta effettivamente correggendo una linea la cui ambiguità (distanza critica versus attiva simpatia) ha creato i danni che sono sotto gli occhi di tutti e che sicuramente ha nuociuto assai al movimento. Se in tempi neanche troppo brevi venisse fatto fuori, la cosa non stupirebbe.

  3. alberto ha detto:

    A proposito della situazione interna a CL segnalo, da un punto di vista che non condivido, un contributo comunque interessante a questo link: http://www.libertaepersona.org/wordpress/2015/06/cosa-e-accaduto-a-cl/#more-131544

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...