Pretendere di affrontare il problema dei migranti senza coinvolgere chi ce li manda, ovvero la Turchia, è una cosa senza senso

Crisi immigrazione, le responsabilità della Turchia, La Nuova Bussola Quotidiana, 21 settembre 2015

C’è da sperare che la riunione straordinaria del Consiglio Europeo, convocata dopodomani a Bruxelles, faccia fare se non un balzo almeno un passetto avanti verso la soluzione della “crisi dei migranti”? Purtroppo c’è di che dubitarlo fortemente. Pretendere infatti di affrontare il problema dei migranti senza coinvolgere la Turchia, ossia il Paese che attualmente governa il loro flusso verso l’Unione Europea, è una cosa senza senso. Pressata dagli Usa e dalle potenze europee a porre termine alla sua politica di appoggio indiretto al cosiddetto Stato Islamico, la Turchia ha chiesto delle contropartite. E non avendole avute ha risposto mettendo in moto verso l’Ue alcune decine di migliaia di profughi tra quelli che ha sul proprio territorio: è questo il vero motore dell’attuale crisi. Tali profughi sono per lo più accampati nelle province della Turchia che confinano con la Siria, l’Iraq e l’Iran, a molte centinaia di chilometri dai suoi confini con la Grecia. Al giorno d’oggi una migrazione di queste dimensioni e su distanze del genere non può aver luogo a piedi; e inoltre la Turchia non è certo un Paese che grandi masse di stranieri rifugiati possono attraversare tranquillamente da un capo all’altro anche senza il consenso e l’appoggio delle locali autorità. Tutta questa gente viene trasportata in modo organizzato per lo più in treno fino a breve distanza dei confini con la Grecia dove evidentemente viene pure informata sulle vie da prendere per raggiungerli e attraversarli. A questo punto scende da treni e da pulman e prosegue a piedi sotto l’occhio delle telecamere delle tv. Così il grande pubblico televisivo riceve l’impressione di un estemporaneo esodo a piedi che non corrisponde affatto alla realtà delle cose. Imparata la lezione la Grecia fa lo stesso portandoli nei pressi dei suoi confini con la Macedonia e così via fino a quando (se non sono spinti a forza da qualche altra parte) raggiungono la meta che si prefiggono ossia la Germania. Poi ci sono quelli che, forse pagando di più, vengono avviati su un itinerario più breve, quello che li conduce a città costiere della Turchia occidentale, da dove puntano via mare verso isole greche vicine alle coste turche come Lesbo e Kos. Un percorso tuttavia più rischioso, esposto come è a tragici naufragi. Ci sarebbero poi degli strani dettagli che andrebbero approfonditi, ma non abbiamo spazio per farlo qui. Come mai i migranti avviati sull’itinerario via terra non vengono diretti anche verso la Bulgaria, Stato membro dell’Unione Europea che ha con la Turchia una frontiera molto più ampia di quella con la Grecia? Come mai fra tutte le isole greche a ridosso delle coste turche soltanto alcune sono meta degli esodi via mare? Lesbo e Kos ma non Rodi, e nemmeno Kastellorizo (l’antica Castelrosso del Dodecanneso sotto amministrazione italiana) che è a due passi dalla costa turca? C’è da pensare che qualche accordo sotto banco sia stato preso.
Se la soluzione di lungo periodo della crisi implica un’attiva politica di pacificazione dei Paesi in guerra o in comunque in grave difficoltà da cui i migranti provengono (la Siria ma non solo), anche per quanto concerne la soluzione a breve termine l’Unione Europea non può guardare soltanto al proprio ombelico. Deve costringere la Turchia a venire allo scoperto, ad assumersi le proprie responsabilità. Altrimenti ad ogni eventuale aumento della fluidità dell’ingresso dei migranti nel territorio dell’Unione la Turchia continuerà a sfidarci con un più che proporzionale aumento del loro flusso in uscita dal territorio turco. Il presidente del Consiglio Europeo, Ronald Tusk, il quale appartiene come il nostro Renzi al club dei leader politici che esternano via Twitter, ieri ha preannunciato con un “twit” che dopodomani “riferirà al vertice straordinario” le sue conclusioni “comprese quelle su un viaggio in Turchia”. Ottima idea, poteva pensarci prima ma va già bene così.
Frattanto il Parlamento Europeo, continuando a gingillarsi con lo pseudo-problema delle quote, ha votato a larga maggioranza (370 sì, 134 no, 52 astenuti) un parere favorevole alla proposta della Commissione per il ricollocamento “urgente” di 120 mila rifugiati da Italia, Grecia ed Ungheria. Uno pseudo-problema perché, diciamolo ancora una volta, i migranti sono quasi tutti diretti in Germania e in alcuni altri pochi Paesi del Nord Europa dove hanno parenti e contatti prestabiliti. Nel momento in cui si accetta che entrino non autorizzati e non selezionati diventa poi difficile impedire loro di andare dove desiderano. A questo punto sarebbe più realistico modificare la disciplina vigente stabilendo che possano registrarsi dove vogliono, e non più necessariamente nel primo Paese membro dell’Unione ove giungono.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Pretendere di affrontare il problema dei migranti senza coinvolgere chi ce li manda, ovvero la Turchia, è una cosa senza senso

  1. Giovanni gulino ha detto:

    Dottor Ronza, la seguo da un po’ e la devo ringraziare di cuore perché il suo punto di vista è per me sempre illuminante: lei dice cose che altri non dicono. Vorrei chiederle un parere.
    Premetto che ho per Papa Francesco una stima incondizionata e vivo il suo pontificato come un dono dello Spirito. In continuazione in questo periodo, ed è ovvio, parla di accogliere i migranti, l’ha fatto anche oggi al Congresso Americano; però, mi sembra, non parla quasi mai di creare quelle condizioni di giustizia, di sicurezza, di benessere negli Stati da cui i migranti sono costretti a fuggire, condizioni che risolverebbero il problema alla radice. Mi sbaglio?

    • Robi Ronza ha detto:

      Sin qui anch’io non ricordo che ne abbia parlato in sequenza. Però via via tocca sempre sia un tema che l’altro. E’ il suo modo di comunicare, sempre attento a sfuggire a contrapposizioni che aprirebbero la via a risposte dialettiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...