Dal caso Lupi al caso Boschi, ovvero del conflitto di interessi come arma politica…a geometria variabile

Conflitto di interessi, arma a doppio taglio, La Nuova Bussola Quotidiana, 19 dicembre 2015

Come un nuovo mostro di Frankenstein sfuggito al controllo del suo inventore ora  il conflitto di interessi sta mettendo in difficoltà un governo che è comunque un erede, seppur anomalo, delle forze politico-giudiziarie cui se ne deve la comparsa sulla scena politica del nostro Paese. Se infatti il conflitto di interessi è una fattispecie giuridica che esiste da tempo immemorabile, in quanto arma politica nasce invece con Berlusconi, o meglio contro Berlusconi.  C’erano tempi in cui, tanto per fare un esempio, Susanna Agnelli poteva da sottosegretario agli Esteri recarsi in visita ufficiale in Argentina a inaugurare stabilimenti della Fiat senza che nessuno ci trovasse niente da ridire.  E, anche a parte questo festoso particolare, poteva essere membro del governo mentre la sua azienda di famiglia riceveva aiuti statali a ogni piè sospinto. Non era poi di certo il solo caso. Da Berlusconi in avanti invece il conflitto di interessi è giunto prepotentemente alla ribalta, ma come arma politica più che come  reato giuridicamente definito.  Non a  caso anzi, quando trovandosi al governo con una solida maggioranza avrebbe potuto far passare una legge specifica al riguardo, lo stesso partito che l’aveva impugnato ha invece preferito lasciar perdere. Tanti e tali sono oggi i legami fra iniziativa privata e istituzioni pubbliche  che  un’estensione del concetto di conflitto di interessi vasta quanto basta per colpire Berlusconi (che non aveva più alcuna carica nelle aziende di proprietà sua e dei suoi familiari) avrebbe finito per mettere fuori gioco anche il grosso del ceto politico, a partire da buona parte  della dirigenza delle forze di sinistra.  Perciò i grandi manovratori dell’accusa di conflitto di interessi hanno preferito che restasse qualcosa di mal definito in modo che fosse poi possibile farne uso a misura delle esigenze del momento. Questo spiega perché, diremo procedendo ancora per esempi, un orologio seppur di lusso donato al figlio del ministro Maurizio Lupi è bastato a costringerlo alle dimissioni “spontanee” dal suo incarico,  mentre invece otto mesi di permanenza di Pierluigi Boschi nella carica  di vicepresidente della Banca Popolare dell’Etruria  non hanno indotto Renzi a chiedere un analogo fatidico passo indietro alla di lui figlia.  A noi sembra che né l’uno meritasse né l’altra meriti l’uscita dal governo  per motivi del genere; ma allora perché lui sì e lei no?

Sarebbe più serio, anche sullo spunto di questi episodi, che la classe politica trovasse il coraggio morale, al di là di ogni convenienza immediata, di giungere a una precisa definizione ex lege del “conflitto di interessi”. E lo stesso dicasi con riguardo a confusi e minacciosi fantasmi come il “concorso esterno in associazione mafiosa”, come i “teoremi” e come altre invenzioni di accusatori disinvolti che in effetti non esistono nel codice.  Che cosa è mai il “concorso esterno” se non un buon modo per accusare qualcuno senza bisogno di raccogliere prove consistenti? Se c’è, il “concorso” è tale senza che ci sia bisogno di distinguere fra il suo essere esterno o interno; e se non c’è non c’è, e basta.  Il proverbiale uomo della strada si preoccupa poco di queste degenerazioni pensando che non lo riguardino; o che coloro i quali ne fanno le spese siano comunque gente poco raccomandabile. Farebbe invece bene a preoccuparsene e molto: degenerazioni del diritto, della vita pubblica e della prassi giudiziaria come queste provocano a lungo andare restringimenti degli spazi di libertà di cui finiscono poi per fare le spese tutti quanti, “non addetti ai lavori” compresi.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dal caso Lupi al caso Boschi, ovvero del conflitto di interessi come arma politica…a geometria variabile

  1. ambrosetti ha detto:

    Il fatto che le vicende Lupi e Boschi siano state valutate in modo differente, mi sembra palese (e – in una certa misura – SONO due storie differenti)
    Da qui a dire che nessuno dei due dovesse dimettersi, ce ne corre.

    A mio modesto giudizio, il caso Lupi non si sustanziava nel valore del Rolex donato per la laurea del figlio, ma nel suo significato soprasegmentale (diciamo così), atto a sancire colleganza più che stima o amicizia. Favori in cambio di utilità, come la concessione di un posto di lavoro all’interno di una società “amica”, sempre per il figlio di cotanto padre.

    La vicenda della Boschi è diversa, ma solo fino ad un certo punto, perchè è stato ampiamente spiegato come il padre ed il fratello fossero parti attive nell’andamento della banca, sia pure con ruoli operativi diversi).

    Quello che accomuna le due storie è la mancanza di quella ragionevole consapevolezza in base alla quale le vicende personali (e della propria famiglia) non dovrebbero avere tangenze con gli enti, i soggetti o le società amministrate/controllate nell’espletamento di funzioni pubbliche, non tanto per una “questione morale”, ma proprio per un fatto ontologico.

    Lupi è tutt’altro che fesso: si è dimesso per opportunità politica, sapendo bene che il fragile muro eretto dal partito in sua difesa, avrebbe potuto cedere alla prova del voto su una mozione di sfiducia. Per lo stesso motivo, la Boschi non si dimetterà.

    Ora, per onestà va detto che non funziona sempre così; ad esempio, la ministra Idem si è dimessa per una vicenda – tutto sommato – più lieve, spinta da un moto di dignità personale: episodio commendevole ancorchè isolato, in un Paese dove i posteriori sono imbullonati alle poltrone. Però questo fa emergere un problema.

    La politica ha gli strumenti per autoproteggersi da comportamenti/azioni discutibili dei propri esponenti?
    Se assumiamo l’ipotesi per vera, allora lei, caro Ronza, ha ragione: cito dal suo intervento “…..E lo stesso dicasi con riguardo a confusi e minacciosi fantasmi come il “concorso esterno in associazione mafiosa”, come i “teoremi” e come altre invenzioni di accusatori disinvolti che in effetti non esistono nel codice”. In effetti, in un mondo IDEALE, la sanzione della perduta credibilità politica, dovrebbe bastare da sola a regolare la scelta dei candidati ed il comportamento degli eletti
    Se però (come è evidente), l’ipotesi è falsa, allora l’unico baluardo a tutela di tutti noi è la ragionevole certezza che i comportamenti inopportuni – quando non deliberatamente criminali – vengano scoperti e sanzionati, anche attraverso quelli che lei chiama “confusi e minacciosi fantasmi”. Crede davvero che questa classe politica sia in grado di produrre una efficace legge sul conflitto di interessi? E proprio vero che la speranza è una virtù teologale!
    Buon Natale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...