L’Unione Europa va rifondata: limitarsi ad aggiustarla non serve a nulla

Dalla Brexit l’inizio della nuova Europa, La Nuova Bussola Quotidiana,  29 giugno 2016

Ieri, mentre il Corriere della sera apriva la sua prima pagina con il titolo a caratteri cubitali “Borse in caduta, Londra bocciata”, trovava conferma la notizia che la già predisposta fusione fra la Borsa di Londra, LSE, e la Deutsche Börse di Francoforte sul Meno sta andando tranquillamente avanti, e il prossimo 4 luglio verrà proposta  all’approvazione degli azionisti della LSE.  Dal momento che la Borsa di Londra è già proprietaria di quella di Milano un potente triangolo di borse valori va così a formarsi  a cavallo del nuovo “confine” che ora si disegna a seguito l’esodo della Gran Bretagna dall’Ue. Ciò aiuta a capire quale sia il peso reale di un evento che i proverbiali “padroni del vapore” dell’Europa continentale, di cui il Corriere è uno dei più fedeli araldi,  si stanno affannando in questi giorni a descrivere come una svolta catastrofica.

Mentre insomma sulla scena politica si continua a gridare “al lupo, al lupo!”,  nei veri centri di potere del nostro tempo si procede considerando la Brexit per quel che è, ovvero una novità economica di rilevante importanza tattica ma non strategica: un’emergenza di breve termine da gestire sì con attenzione ma senza che ciò implichi alcun ripensamento degli obiettivi di lungo termine. In un’epoca in cui dal punto di vista economico  l’intero mondo è ormai divenuto un mercato comune, da tale punto di vista che la Gran Bretagna sia dentro o fuori dell’Ue non conta poi moltissimo né per Londra né per Bruxelles.

Ben diversa è invece la questione dal punto di vista politico. L’esodo di Londra dall’Ue è il segno del fallimento del progetto politico non dell’Unione Europea in assoluto, ma senza dubbio di questa Unione Europea. Diversamente da quanto in questi giorni in Italia e altrove si cerca di far credere quello inglese non è stato affatto un voto “di pancia”. E tra l’altro nient’affatto un voto per la paura dell’immigrazione dall’Africa e dall’Asia in un Paese dove tale immigrazione è un fatto normale sin dagli anni ‘30 del secolo scorso. Quello degli inglesi è stato più che mai un voto di testa e di cuore: un voto di gente che, anche sacrificando  interessi immediati, ha detto “no” a un’Europa le cui istituzioni non hanno un’adeguata legittimazione democratica, a un’Europa che non è capace di gestire alcuna emergenza.

L’esodo della Gran Bretagna dovrebbe perciò indurre l’Unione a un salutare esame di coscienza sulle ragioni profonde del voto britannico e su che cosa si potrebbe fare per uscire dalla crisi che tale voto ha messo in luce. E’ proprio questo invece che stanno cercando di evitare le élites al potere nelle istituzioni europee. Una significativa testimonianza di tale mentalità ci viene, fra l’altro ieri proprio sul Corriere, dal nuovo e invisibile ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda. Secondo lui “Brexit non è  la fine dell’Europa, ma il sintomo di una malattia che colpisce tutte le democrazie: la paura della modernità (…)”. Una presunta paura che sarebbe il presunto frutto della “promessa disattesa fatta dalle classi dirigenti a partire dagli anni 90” di un Bengodi che poi i fatti hanno smentito.  Tanto è sicuro Calenda del diritto di tali “classi dirigenti” a governare in eterno che non gli viene nemmeno il sospetto che la gente voti come vota (oppure non vada più a votare) proprio perché ne ha abbastanza di loro. Sulla base di questa sua acuta analisi Calenda le investe anzi in esclusiva del  compito di tirarci fuori dai pasticci in cui proprio loro ci hanno messo. E in tale prospettiva illustra la sua ricetta  che consiste in tre anni di investimenti pubblici fuori del Patto di stabilità e altre cose belle.  La questione della legittimazione democratica delle istituzioni europee non lo sfiora nemmeno. Per lui e per il suo mondo la risposta alla  crisi ora esplosa non è in mano ai popoli ma “agli Stati membri, e in particolare a Francia, Italia e Germania (…). Tanto più considerando che la Germania di oggi è quella riunificata, riabilitata e con la capitale di nuovo a Berlino in Prussia (ribattezzata pudicamente Brandeburgo), e non la Germania Ovest, fresca erede delle nefandezze del nazismo e con capitale a Bonn in Renania, tutto  ciò conduce irreparabilmente a un’Unione Europea a esclusiva guida tedesca, anzi prussiana. Che a Hollande e a Renzi venga riservato il ruolo di prime damigelle della cancelliera Merkel (come si è visto nel recente vertice a tre convocato non a caso a Berlino) potrà forse bastare a loro, ma di certo non è negli interessi né della Francia, né dell’Italia; né tanto meno del resto dell’Europa. I due maggiori Stati rimasti fuori, ossia la Spagna da un lato e la Polonia dall’altro, non tarderanno a reagire. E se poi i Paesi più legati a Londra, come l’Olanda, la Danimarca e la Svezia, dovessero cominciare a pensare di seguirne l’esempio si arriverebbe presto al collasso dell’Unione Europea in quanto tale. E’ inutile e pericoloso tentare degli aggiustamenti del genere. L’Unione non va aggiustata. Se non si vuole che crolli (e a questo punto sarebbe comunque meglio che  non crollasse) va ripensata e  rifondata.

 

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’Unione Europa va rifondata: limitarsi ad aggiustarla non serve a nulla

  1. rino fruttini ha detto:

    Caro Robi Ronza,
    mi trovo a leggere i tuoi articoli, in genere condivisibili, e quelli altrettanto interessanti di Vittorio Feltri su “Libero”. Ma ora, sulla questione del Brexit ritengo che entrambi abbiate fatto” pipì fuori dal vaso”. Forse vi sfugge un particolare, non di poco conto. La UE si basa sugli obiettivi di Maastricht che appaiono condivisibili , imperniati di democrazia e pluralismo.
    Le fasi di piena attuazione della UE sono : ” la prima fase, che liberalizza la circolazione dei capitali, inizia il 1º luglio 1990; la seconda fase, che incomincia il 1º gennaio 1994, permette la convergenza delle politiche economiche degli Stati membri; la terza fase deve iniziare entro il 1º gennaio 1999 con la creazione di una moneta unica e la costituzione di una Banca centrale europea (BCE)”.
    Ebbene, sulla fase della convergenza alcuni Paesi, come l’Italia, sono in ritardo. In particolare il bilancio dello Stato con i suoi risultati è sempre indietro rispetto alla media europea. Ce la vogliamo pigliare con Renzi, con Letta, con Monti, con Berlusconi; o forse ce la dobbiamo prendere con la nostra incapacità di capire da quale parte sta l’interesse nazionale e di scegliere le persone giuste al posto giusto.
    Ieri Tremonti ci spiega che il nuovo senato delle regioni e dei comuni, previsto nella riforma della Costituzione si dovrà occupare quasi esclusivamente di Europa. Che scoperta! Il professore forse non si è accorto che quasi tutto il finanziamento dei programmi regionali in materia di sviluppo economico deriva dai finanziamenti CEE, parzialmente e/o totalmente. Non a caso tutte le regioni hanno uffici di rappresentanza a Bruxelles !
    Vittorio Feltri, su “Libero”, organizza un referendum pro/contro l’Europa; una stupidata pari a quella di Paragone, su La Gabbia, che chiede ai telespettatori di votare pro/contro Renzi o Conte, come direttori delle due nazionali dell’Italia.
    Siamo giunti ad un dilettantismo del dibattito politico da talk show che, a mio avviso è la prima causa dell’astensione al voto elettorale.
    Infine si recrimina a dichiarazioni di Monti e Prodi sulla inopportunità di demandare a referendum divisivi, pro/contro l’Europa, quando fino a ieri si era polemizzato sull’ingovernabilità dell’Italia, con una media di durata di 10 mesi dei governi da quando è nata la Repubblica nel 1946. Se c’è una carenza di cui lamentarci non è sicuramente la frequenza di chiamata alle urne .
    Caro Robi Ronza, e caro Vittorio Feltri (dico a nuora perché suocera intenda, dato che il direttore di “Libero” non pubblica alcun mio intervento critico) , fintanto che non modifichiamo il processo decisionale secondo la semplificazione della media UE, fino a che non riusciamo a ridimensionare il debito sovrano, in relazione ad un PIL più dinamico, ed a una produttività del lavoro svincolata dai “lacci e lacciuoli” del Sindacato; se l’efficacia e l’efficienza delle PA , statale e allargata agli enti locali rimane ai livelli di ora, sarà dura la disciplina della UE. Ma “dura lex sed lex”. Altro che Brexitismo all’italiana. E mi fa specie che persone intelligenti come te e Vittorio non abbiate ancora capito questo semplice concetto.
    Un abbraccio, Rino Fruttini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...