I proclami di Salvini, i tiri mancini di Mattarella, e la politica di cui il nostro Paese avrebbe davvero bisogno

Riuscirà l’attuale governo a sopravvivere alla sin qui confermata incapacità dei due leader della maggioranza di passare dal ruolo di capi popolo a quello di uomini di governo? Come già ricordavamo, saper sbarcare è indispensabile, ma poi bisogna sapere dove andare. E i due danno l’impressione di non saperlo, ovvero di non preoccuparsene affatto.

Un ministro dell’Interno come Salvini, che sa di avere contro tutto l’establishment (dal presidente della Repubblica in giù), non può permettersi di fare continue “sparate” da bar Sport solo perché gli rendono in termini di consenso popolare immediato. Viene il momento, e ieri è venuto, in cui le cariatidi del Palazzo gli presentano il conto. La vicenda dei presunti profughi (in realtà migranti irregolari), trasbordati in acque libiche dal rimorchiatore d’altura Vos Thalassa alla nave guardiacoste italiana Umberto Diciotti, è piena di ombre. A un ministro dell’Interno non conviene però proclamare che i presunti profughi scenderanno dalla nave a Trapani solo in manette quando non è lui che può ordinare che sia così, e quando per di più dovrebbe ben sapere di aver contro la magistratura. La figuraccia era inevitabile anche senza la discesa in campo del presidente della Repubblica.

Nemmeno però a un ministro dello Sviluppo Economico come Di Maio conviene demagogicamente brindare in piazza a Roma davanti alla sede della Camera per il varo di quella specie di grida manzoniana con cui si è deciso il taglio dei vitalizi degli ex-deputati mentre non fa ancora nulla di serio e di importante per contrastare il rallentamento dell’economia del Paese, e mentre non è all’orizzonte alcuna nuova politica organica di lotta a giganteschi sprechi dell’amministrazione dello Stato rispetto ai quali i vitalizi degli ex-deputati sono dei bruscolini. E’ un errore credere che quelli del bar Sport non capiscano mai niente. Magari ci mettono un po’ a capire, ma poi alla fine capiscono. E, come Matteo Renzi imparò a sue spese, quando hanno capito non se ne dimenticano. Che dire poi della politica estera di questo governo, la cui irrilevanza trova nel ministro Moavero Milanesi il suo testimone ideale?

Il nostro è un Paese che oggi più che mai ha bisogno di un lavoro di affronto meditato e organico  dei grandi problemi politici di fondo, a partire da una riforma generale dell’amministrazione dello Stato. Con una “macchina” dello Stato che funziona poco, male e con costi enormi, come quella di cui disponiamo, tutto ciò che  al governo si proclama e si pretende di decidere diventa aria fritta anche quando all’origine non lo era. Figuriamoci poi che cosa diventa quando era aria fritta già in partenza.

 

Già lo stesso caso del controllo dell’afflusso di migranti irregolari via mare è una conferma della confusione dei ruoli e della sovrapposizione di competenze che caratterizza la nostra amministrazione statale.  Sono infatti tre le forze navali italiane con funzioni di polizia marittima, dipendenti ciascuna da un diverso ministero: la Guardia Costiera, che dipende dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti;  il Servizio navale della Guardia di Finanza che dipende dal ministero dell’Economia e delle Finanze; e infine la Marina Militare, che fa ovviamente capo al ministero della Difesa. Già questo stato di fatto basterebbe da solo a spiegare una confusione che poi l’incapacità delle attuali forze politiche (tutte, non solo quelle adesso al governo) non fa accrescere ed aggravare.

Nel caso specifico dell’attuale governo accade che le forze navali più direttamente impegnate nella raccolta (ufficialmente è un soccorso, ma in realtà è una raccolta) dei migranti irregolari in mare dipendano da due ministri dei 5 Stelle, ossia Danilo Toninelli e Luigi Di Maio, il che toglie molte frecce dall’arco di Matteo Salvini. Avendo alle sue dipendenze  la Polizia di Stato Salvini può intervenire solo quando i migranti raggiungono il territorio nazionale. In una situazione del genere occorrerebbe a monte un previo e forte accordo politico in sede di governo, che invece evidentemente non c’è.

E’ vero che comunque il flusso di migranti irregolari dall’emisfero Sud verso l’Unione Europea si è quest’anno drasticamente ridotto rispetto agli anni precedenti. In Italia ne sono giunti 3895 nel maggio e 2155 nel giugno scorsi. Negli stessi mesi del 2017 se ne erano rispettivamente contati 22.993 e 23.524. Questo significa evidentemente che la notizia della sempre maggiore difficoltà e della sempre minor convenienza a tentare la carta della migrazione irregolare in Europa è giunta nei luoghi di origine dei migranti. Tutto sommato quindi tale problema ha oggi un’eco mediatica e un impatto sull’opinione pubblica ben più che proporzionale alla sua entità effettiva. Sarebbe piuttosto ora di cominciare a prestare ben maggiore attenzione a quanto sta accadendo in sede internazionale, tanto più dopo il vertice della Nato a Bruxelles e alla vigilia dell’incontro fra Trump e Putin. I conflitti interni dell’attuale governo in tema di contrasto all’immigrazione irregolare sono molto meno gravi del fatto che  non abbia un’adeguata politica estera in un momento in cui è comunque in atto una svolta nei rapporti tra Usa ed Europa con tutte le conseguenze che ne derivano.

 

13 luglio 2018

 

 

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in Diario e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a I proclami di Salvini, i tiri mancini di Mattarella, e la politica di cui il nostro Paese avrebbe davvero bisogno

  1. Giovanni ha detto:

    Dal sito di Medici senza frontiere:
    “ Oltre 600 persone sono annegate o disperse nel tentativo di attraversare il Mediterraneo centrale solo nelle ultime 4 settimane, tra cui neonati e bambini (dati dell’Ufficio Migrazione delle Nazioni Unite, OIM). Di questi, almeno 410 sono morti in acque internazionali tra Malta, Italia e Libia.”
    Dott. Ronza, Lei sembra giustificare l’azione del governo perché il numero degli sbarchi è drasticamente diminuito visto che si è diffusa in Africa la notizia che l’Italia ha chiuso i porti.
    Il fine (la disumana ricerca di consenso politico) giustifica il mezzo?

    • Robi Ronza ha detto:

      Le perdite umane che purtroppo si registrano nel corso questi viaggi disperati sono una conseguenza inevitabile del modo in cui tali viaggi vengono organizzati e gestiti,non una responsabilità di chi intende contrastarli.

      RR

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.