Italia: la disgrazia del suo non essere protestante, boreale e immune da Berlusconi

Corruzione: l’ora degli stereotipi sull’Italietta, La Nuova Bussola Quotidiana, editoriale, 5 febbraio 2014

Una cosa è la corruzione, che in varia misura esiste dappertutto e che va sempre e comunque combattuta pur  sapendo che, come ogni altra forma del male, non la si potrà mai estinguere del tutto se non alla fine della storia. E un’altra è l’uso politico che  per tutt’ altri  fini  si sta facendo in Italia del Rapporto sulla corruzione nell’ Unione Europea presentato ieri a Bruxelles da Cecilia Malmström, Commissario agli Interni dell’Ue. Si tratta di due realtà che hanno scarsi contatti l’una con l’altra.

Da sempre una parte importante e influente della classe dirigente italiana pensa che il nostro Paese ha dei peccati originali che gli impediscono di diventare onesto, efficiente e moderno: si tratta del suo essere di tradizione cattolica e del suo stare nel Mediterraneo. Il potenziale redentore ci sarebbe — sono la cultura laica progressista e le forze politiche, culturali ed economiche che la incarnano — ma purtroppo la maggioranza della gente in Italia non lo capisce. Questo a causa dell’influenza deleteria della Chiesa,  cui da vent’anni a questa parte si è aggiunta per soprammercato anche quella di Berlusconi: due presenze assai diverse, ma che in fin dei conti provocano i medesimi danni. Che cosa dunque si può ricavare dal primo Rapporto europeo sulla corruzione negli Stati dell’Unione? Nient’altro che una conferma di quanto sopra. E’ vero, il Rapporto si occupa anche degli altri 27 membri dell’Unione  accertando che nessuno è immune dalla corruzione (nemmeno le sacrosante Svezia e Finlandia) e parecchi stanno anche molto peggio di noi, ma poco importa. Sotto la direzione di una medesima “mano invisibile”  quasi tutta la stampa italiana ha suonato ieri  la medesima sinfonia, il primo violino essendo ovviamente la Repubblica. Per farsene un’idea basti qui citare l’analisi di Piero Colaprico che iniziava sulla prima pagina del grande quotidiano romano con “Meno male che questa volta non si potrà dire che sono i pubblici ministeri di Milano a esagerare” per poi concludere in pagina interna che “un dato di fatto emerge dalla relazione europea con chiarezza ed è incontrovertibile: finché al governo e come capo dell’opposizione c’è stato Berlusconi (…)”. Non importa insomma se questo Berlusconi è al governo o all’opposizione. E’ la sua stessa esistenza in vita a produrre una corruzione irrefrenabile. Non scherza però nemmeno Alberto Vannucci, professore di Scienza politica all’università di Pisa e uno dei consulenti italiani che hanno lavorato alla stesura del Rapporto, intervistato da Avvenire. All’intervistatore che gli domanda come si fa a sostenere che l’Italia sia il Paese più corrotto dell’Unione visto quando “Dal Rapporto emerge che (in Italia: Ndr) solo il 2% dei cittadini e il 5% delle imprese ha avuto esperienza diretta di tangenti, in linea con la media Ue”, Vannucci risponde che “La corruzione è talmente presente da risultare per certi versi inavvertita e la tangente non la riconosciamo più (…)”. Nietzsche aveva previsto, come qualcuno ricorderà, che un giorno le opinioni avrebbero preso il posto dei fatti. Evidentemente ci siamo arrivati, anzi siamo andati se possibile anche oltre. Salvo questo specifico quesito (che come abbiamo appena visto qualcuno riesce comunque a esorcizzare) il Rapporto rende conto infatti non dell’esperienza bensì della “percezione” che i cittadini dei vari Stati membri hanno del problema. Il quadro che delinea è insomma già basato su opinioni prese in considerazione come se fossero fatti. Questo però, a quanto si vede, non basta. Se ne salta fuori qualcosa che non quadra si può chiamare in aiuto l’opinione sull’opinione.

Nondimeno se – spento il televisore e buttati via i giornali — si ha poi la pazienza di andare su Internet a scorrere le circa 50 pagine del Rapporto, nonché i comunicati stampa ufficiali che ne hanno accompagnata la presentazione , si trovano talvolta osservazioni anche utili ai fini della lotta contro la corruzione in ognuno dei 28 Stati membri dell’Unione, compreso il nostro. Ma questa è un’altra storia.

Annunci

Informazioni su Robi Ronza

Giornalista e scrittore italiano, esperto di affari internazionali, di problemi istituzionali, e di culture e identità locali.
Questa voce è stata pubblicata in La Nuova Bussola Quotidiana e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Italia: la disgrazia del suo non essere protestante, boreale e immune da Berlusconi

  1. Domenico Piacenza ha detto:

    Approfitto di questa finestra di “controinformazione” (termine ormai desueto) per una domanda: ha una vaga idea di come sia stato calcolato il costo (della corruzione) di sessanta miliardi (riportato più volte nei telegiornali) per il nostro Paese ?
    grazie

    • Robi Ronza ha detto:

      Ormai, come avrà visto, sta venendo fuori che si tratta di un dato senza fondamento, frutto di una somma di errori di calcolo. A me era sembrato assurdo da subito, e infatti nella mia nota non l’avevo nemmeno citato.

  2. Alessandro Maurizi ha detto:

    Il lato più preoccupante è la posizione geografica dell’Italia. Si può imporre con la forza una cultura a cui si è reticenti, ma come si fa a spostare fisicamente la Penisola? Un migliaio di anni fa il territorio chiamato Italia arrivava al Mare del Nord, comprendendo se non erro la Renania e le Fiandre, forse è quella l’Italia di cui hanno nostalgia…

  3. francesco taddei ha detto:

    ma se gli italiani sono tali solo perchè abitano nella penisola, non perchè si sentono una comunità, visto che tra presidenti,politici(napolitano,prodi e mario mauro) e preti ci dicono che l’orgoglio nazionale è da fascisti, se ad ogni alito che soffia da bruxelles ci asfissiano con il mantra “ce lo dice l’europa” caro ronza ma che ti aspetti? prima bisogna fare l’italia per poter dire la nostra. ma in giro si vedono solo abitanti di penisola.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...