Giorgia Meloni e la barra del timone

Giorgia Meloni, uscita vittoriosa dalle elezioni di ieri con il 26 per cento dei consensi, ha evidentemente raccolto anche voti che storicamente non appartengono al suo partito. Voti di gente che aveva atteso invano riforme liberali da Forza Italia e riforme federaliste dalla Lega e che domenica ha scelto Fratelli d’Italia soprattutto perché spera che Giorgia Meloni possa mettere finalmente il centrodestra sulla strada di quanto ci si attende da esso sin da quando Berlusconi con Forza Italia lo fece nascere nel 1994.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , | 1 commento

Cirinnà sì, Gandolfini no

Un seminario sulla disforia di genere e la medicina transgender, che oggi avrebbe dovuto aver luogo nel quadro dei corsi di aggiornamento offerti ai suoi associati, è stato improvvisamente annullato ieri senza darne alcuna motivazione  dall’Ordine dei Giornalisti della Lombardia. Tra i relatori del seminario, patrocinato tra l’altro dalle università di Brescia e di Torino, era annunciato Massimo Gandolfini.

Continua a leggere Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , | 6 commenti

25 settembre: quali prospettive

 Due fronti, molti astenuti, pochi spazi di decisione, Corriere del Ticino*, 19 settembre 2022

Il «partito degli astenuti» rischia di risultare primo alle votazioni in calendario in Italia la prossima domenica 25 settembre. Dai sondaggi risulta infatti che il 35 per cento circa degli elettori non ha intenzione di recarsi a votare.

Continua a leggere
Pubblicato in Corriere del Ticino | 1 commento

Europa: un’Unione da rifare

Tra le varie mistificazioni che caratterizzano la campagna elettorale in corso una delle più odiose è quella con cui si accusa di essere anti-europeo chiunque sia contrario all’Unione Europea così come oggi è e così come oggi viene governata. Per parte mia sono uno di questi, e non vedo perché mai dovrei accettare di venire per ciò bollato come anti-europeo.

Torno pertanto sull’argomento già toccato in questo sito fra l’altro il 20 settembre 2018 in Dopo Salisburgo. Europa sì, ma quale? Di certo non questa : nel frattempo la crisi economica in corso e la guerra in Ucraina hanno infatti reso la questione sempre più attuale.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , , | 8 commenti

25 settembre: meglio votare anche se non importa molto, ma per chi?

Il prossimo 25 settembre si tratta, a mio avviso, di scegliere il meglio del peggio: non c’è infatti una sola forza politica influente tra quelle in gioco alle prossime elezioni da cui ci si possa attendere una risposta completa e ragionevole agli attuali problemi del Paese e del mondo, e insieme nessun danno ai pilastri su cui si fonda la società italiana. Per rendersene conto basta andarsi pazientemente a leggere i programmi con cui si presentano.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , , , | 5 commenti

Intervista a Santa Teresa di Calcutta

Oggi, nel giorno in cui la Chiesa commemora Santa Teresa di Calcutta, penso utile segnalare che, “cliccando” qui più in alto nella banda nera sottostante le immagini fotografiche sulla parola Antologia,si può raggiungere una lunga intervista che la Santa mi concesse a Calcutta nel 1979, alla vigilia della sua partenza per Oslo dove avrebbe ricevuto il Premio Nobel per la Pace.

Pubblicato in Taccuino Italiano | 2 commenti

Aborto diritto umano? Da trent’anni l’Onu dice no

Pur dopo un trentennio di tentativi falliti, anche  quest’anno le delegazioni di Stati Uniti e di Paesi dell’Unione Europea tenteranno di nuovo di far passare all’Assemblea Generale dell’Onu, che si aprirà a New York il prossimo 13 settembre, una risoluzione con cui si afferma l’aborto come diritto umano.

Nel testo presentato si parla di “accesso all’aborto sicuro” come di una politica che tutti i Paesi membri dovrebbero perseguire per “assicurare la promozione e la protezione dei diritti umani di tutte le donne e della loro salute sessuale e riproduttiva”.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Uomini e lupi: la pretesa di ricostruire una prossimità impossibile

Ognuno ha il suo lupo, Corriere del Ticino*, 2 settembre 2022

Mauro Morandi,  un pastore che con  300 capre era salito nello scorso giugno da Fondotoce a un alpeggio in alta Valle Intrasca (Verbano-Cusio-Ossola, VCO), dopo che diversi suoi capretti sono stati prede dei lupi, qualche settimana fa ha deciso di scendere a valle anticipatamente. “Pur avendo pagato l’affitto del pascolo torniamo giù”, ha dichiarato al corrispondente del quotidiano torinese La Stampa, “grazie al lupo e a tutti quelli che non fanno niente per aiutare i piccoli allevatori a rimanere in montagna”.

Continua a leggere
Pubblicato in Corriere del Ticino | Contrassegnato , , , , | 7 commenti

Gorbačëv. Quel che ci si è dimenticati di dire

A qualche giorno dalla sua morte, sopravvenuta lo scorso 31 agosto, vale la pena di fare qualche osservazione su come nella circostanza è stato commemorato in Occidente Mikhail Gorbačëv, l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica, con il cui scioglimento nel dicembre 1991 si concluse la Guerra fredda.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , , , , | 2 commenti

La crsi del gas e la realtà delle cose

C’è qualcosa di schizofrenico nell’informazione corrente: le due notizie dell’attuale smisurato aumento del prezzo del gas da un lato e della guerra in Ucraina dall’altro vengono per lo più raccontate da telegiornali e da giornali come due fatti separati, senza alcun nesso l’uno con l’altro. Viceversa sappiamo tutti benissimo che il primo è una conseguenza immediata della seconda.

E per di più l’unica soluzione che tutte le forze politiche prospettano è semplicemente un aumento del deficit dello Stato, chiamato pudicamente “scostamento” del bilancio statale, per attenuare l’impatto dell’aumento del prezzo del gas sulle famiglie e sulle imprese. C’è poi un’altra fonte di improvvisa maggior spesa di cui non parla nessuno, quella per gli armamenti che si stanno regalando all’Ucraina e che poi dovranno essere ripristinati per mantenere la capacità difensiva delle nostre forze armate.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , | 7 commenti