«No vax»: non una massa di sciocchi ma il sintomo di un grave disagio che sarebbe meglio non ignorare

Come mai il proverbiale Palazzo non capisce (almeno che finga di non capire) che il rifiuto, quando non la mobilitazione pubblica di massa contro la vaccinazione anti Covid19, è il sintomo di un disagio sociale che va ben oltre la questione di cui ha fatto la propria bandiera?

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato | 1 commento

La Commissione, Putin e l’energia di cui disporremo (forse) tra cento anni

Diversamente da ciò che di solito ci si vuole far credere, fra chi sul mercato internazionale offre energia e chi la domanda non esiste di per sé alcun conflitto. Chi compra ha bisogno di comprare e chi vende ha bisogno di vendere. Per venire al caso che oggi ci riguarda più da vicino, come i Paesi dell’Unione Europea hanno bisogno di comprare gas così la Russia di Putin ha bisogno di venderlo.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Vertice Ue-Balcani: le questioni cruciali per l’Italia di cui da noi non si è saputo nulla

Di che cosa si è parlato al vertice Ue-Balcani svoltosi nel castello di Brdo pri Kraniu (Slovenia) negli scorsi 5-6 ottobre? A sentire i nostri radio e telegiornali e a leggere i nostri giornali a Brdo non si parlava d’altro se non delle nostre imposte sulla casa, della riforma del catasto in Italia e degli screzi fra Draghi e Salvini.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , | 2 commenti

Ursula von der Leyen e la via «verde» verso il ritorno al nucleare

Oggi come oggi, non in un futuro auspicabile ma ancora remoto, dai combustibili fossili (carbone, petrolio, gas naturale) deriva – ricordava l’altro ieri Ferruccio De Bortoli sul Corriere della Sera —  l’80 per cento dell’energia di cui ci serviamo. E anche l’energia elettrica, all’apparenza la più “«pulita», per il 65 per cento viene prodotta bruciando carbone, petrolio o gas. Pertanto “Non è credibile che entro il 2030 si possa fare a meno dei combustibili fossili”.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , | 1 commento

Greta Thunberg, la presunta apocalisse climatica prossima ventura e i suoi perché

L’imponente girandola mediatica costruita sullo spunto di Youth4Climate e di Pre-Cop 26 — le due conferenze internazionali sul clima che, in stretta sequenza l’una con l’altra, hanno avuto luogo a Milano tra il 28 settembre e il 2 ottobre scorsi –  non è di certo un evento estemporaneo e casuale. In tutto il suo svolgersi si è visto il segno di notevoli investimenti e di grandi competenze in materia di comunicazione pubblica.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Draghi, «Youth4Climate» e le cose come stanno

C’è qualcosa che fa venire in mente la «crociata dei fanciulli» (una pagina della storia medioevale una volta tanto davvero oscura) nel movimento giovanile internazionale sorto attorno a Greta Thunberg, in questi giorni riunito a congresso in Milano.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Il rapido abbandono ad ogni costo dei combustibili fossili: una scelta suicida. La pretesa di Bruxelles e il buon senso di Descalzi

Grandi macchine senza benzina, Corriere del Ticino*, 30 settembre2021

Con la sua orgogliosa pretesa di procedere ad ogni costo e anche da sola sulla via di un rapido abbandono dei combustibili fossili l’Unione Europea rischia di trasformare l’Italia, e gli altri suoi Stati membri con una forte industria manifatturiera, in «grandi macchine senza benzina». 

Continua a leggere
Pubblicato in Corriere del Ticino | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

24 settembre 1941

Lieto per i tanti messaggi di auguri che mi stanno giungendo in occasione dei miei ottant’anni, e dispiaciuto di non riuscire come vorrei a rispondere ad ognuno di persona, ringrazio tutti con questa «cartolina»:

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | 8 commenti

Polito, il Texas, l’aborto e il sonno della ragione

Prima di essere una sconfitta della vita l’aborto è una disfatta della ragione. E, nella misura in cui significano ancora qualcosa, la destra e la sinistra non c’entrano per niente.

Continua a leggere
Pubblicato in Diario | Contrassegnato , , , | 1 commento

Semestre bianco: la cosa importante di cui non si parla

Il «semestre bianco» che condiziona l’Italia, Corriere del Ticino*, 14 settembre 2021

Dallo scorso 3 agosto è iniziato in Italia il «semestre bianco», ossia il periodo, corrispondente agli ultimi sei mesi del suo mandato, in cui a norma della vigente Costituzione il presidente della Repubblica Italiana non può più sciogliere le Camere e indire votazioni per il loro rinnovo anticipato. Perde cioè il più consistente dei suoi poteri, in un certo senso l’unico a essere davvero esecutivo. Gli altri infatti — quello di garante della Costituzione e quello di rappresentante dell’unità nazionale — in pratica possono esprimersi soltanto in forma di suggerimenti, seppure assai autorevoli.

Continua a leggere
Pubblicato in Corriere del Ticino | Contrassegnato , , | 1 commento